FILE, Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus, svolge il delicato compito di aiutare i malati gravi – oncologici e non – ad affrontare con maggiori dignità e serenità l’ultimo periodo della vita, affiancando anche le famiglie nel difficile percorso di elaborazione della perdita.

Ci adoperiamo ogni giorno per riconoscere ai nostri pazienti il diritto di non soffrire inutilmente, attraverso un servizio di cure palliative gratuito e la presenza costante dei nostri operatori sanitari e volontari: queste persone, infatti, non vengono mai lasciate sole e possono contare su un aiuto qualificato in qualsiasi momento.

Dal 2002 ad oggi abbiamo assistito migliaia di pazienti a domicilio, in strutture sanitarie dedicate (hospice) e, su richiesta, in vari reparti ospedalieri, operando sia autonomamente che a sostegno delle Aziende Sanitarie del territorio.

Per noi è di fondamentale importanza il sostegno alla famiglia che si trova ad affrontare la malattia grave e la perdita di una persona cara: oltre ad offrire consulenze psicologiche individuali e la possibilità di partecipare agli incontri dei nostri gruppi di auto mutuo aiuto, abbiamo sviluppato forme di supporto particolari per i giovani (bambini e adolescenti) che hanno vissuto un lutto, per aiutarli a superare la difficile prova che stanno affrontando.

Aiutare concretamente queste persone è il nostro obiettivo principale. Tuttavia, FILE si impegna anche a promuovere la cultura della leniterapia (alias cure palliative) sul territorio, a fornire un’adeguata preparazione ai professionisti del settore e ai volontari attraverso specifici corsi di formazione, a sensibilizzare la popolazione con eventi e iniziative sull’importanza di dare valore e dignità alle persone fino all’ultima fase della loro vita.

Negli ultimi anni FILE si è posta un nuovo progetto ambizioso: aprire le cure palliative a campi non solo oncologici, riservando un’attenzione particolare all’ambito geriatrico, per quanto riguarda sia il servizio di assistenza sia l’ambito formativo. Considerati l’innalzamento dell’età media della popolazione del mondo occidentale e l’aumento di varie malattie geriatriche (neurologiche, pneumologiche, cardiologiche, etc.), devono essere pensate nuove risposte sanitarie e sociali che diano sollievo alla sofferenza di malati e famiglie.

image_print