La mission

FILE nasce nel 2002 con lo scopo di prendersi cura delle persone con una malattia cronica in fase avanzata o terminale, sia di tipo oncologico che non oncologico, orientando e coinvolgendo attivamente la famiglia in un progetto di assistenza personalizzato.

Alcuni fiorentini guidati da Donatella Carmi Bartolozzi, fondatrice scomparsa nell’ottobre 2020, hanno creduto in questo progetto di aiuto e si sono uniti e impegnati per essere una presenza costante e organizzata nel sociale.

La missione di FILE, dal 2002, non è cambiata.

Ieri come oggi, ci prendiamo cura delle persone malate, lenendone il dolore cialis generico farmacia italiana fisico e la sofferenza psicologica e rispettando la loro dignità ed i loro desideri.
Aiutiamo i familiari, sollevandoli dalla solitudine e dall’impotenza di fronte alla sofferenza.
Formiamo il personale sanitario e volontario, per offrire la migliore assistenza possibile.
Promuoviamo la cultura della Leniterapia, affinché la società civile e lo stesso mondo medico siano sempre più consapevoli dell’importanza di questo tipo di cure, delle quali in futuro ci sarà sempre più bisogno.

 

La vision

Complice la situazione di pandemia che stiamo vivendo, oggi siamo di fronte a delle nuove sfide: vediamo un bisogno sociale e sanitario crescenti, un numero di anziani e un tasso di invecchiamento della popolazione in continua crescita, una cronicità che avanza.

FILE si levitra si puo comprare in farmacia senza ricetta è sempre adeguata, stando al passo con una medicina e con bisogni che stavano cambiando. E continueremo ad adattarci anche in futuro per promuovere un’assistenza sempre migliore, orientata all’offerta di Cure Palliative Precoci e Simultanee.

 

I valori

Offriamo un servizio che riconosce alla persona malata il diritto di non soffrire inutilmente: maggiori dignità e qualità della vita sono infatti i capisaldi su cui è fondata la nostra attività di assistenza. La presenza, la reperibilità costante e la professionalità del personale sanitario e volontario rappresentano una sicurezza per i malati gravi e per le loro famiglie.

Inoltre, per sensibilizzare la società civile sull’importanza di questo tipo di cure, investiamo molto in comunicazione e cultura, attività in cui siamo costantemente impegnati.