Newsletter

 

Vuoi essere aggiornato su cosa facciamo?
Iscriviti al nostro servizio di newsletter!
Inserisci il tuo indirizzo email:

Dal 17 Gennaio al 16 Febbraio la Biblioteca Comunale di Scandicci ospiterà la mostra di illustrazioni del libro “Si Può” organizzata da FILE in collaborazione con Banca CR Firenze e con il patrocinio del Comune di Scandicci: un’iniziativa dedicata alla scoperta del mondo dei giovani e del loro rapporto con la perdita di una persona cara.

Nello spazio dedicato alla mostra, a partire dalle ore 17 di giovedì 17 Gennaio, giorno dell’inaugurazione, le belle immagini realizzate dall’illustratrice Arianna Papini racconteranno, attraverso la metafora del viaggio, la “tempesta” che coinvolge tutta la famiglia quando viene a mancare uno dei suoi componenti.

Si tratta di una mostra itinerante che ha già percorso diverse tappe in Toscana, principalmente nel territorio fiorentino, di cui una presso la filiale di Banca CR Firenze in Piazza Beccaria, ma anche sulla costa tirrenica presso le filiali CR Firenze di Livorno e Castiglione della Pescaia.

Ideato da FILE, scritto da Beatrice Masini e pubblicato da Carthusia Edizioni, il libro “Si Può” non parla della morte ma affronta, anche attraverso 16 illustrazioni evocative, i temi dell’assenza, del dolore e del percorso successivo alla perdita. Uno strumento di relazione, quindi, per dare agli adulti ed ai bambini un’occasione di dialogo e di confronto, per rivelare sentimenti, emozioni, paure che non sempre si riesce a riconoscere e condividere.
I proventi raccolti grazie alla distribuzione del libro contribuiscono a sostenere il progetto B.E.P.P.E. – Bambini ed Elaborazione della Perdita: Pensieri ed Emozioni che offre un sostegno ai più piccoli, oltre che alle loro famiglie, nell’affrontare la dolorosa esperienza del lutto. Un regalo diverso, di grande valore, disponibile con un contributo di 15 euro.

In concomitanza alla mostra, il 24 Gennaio alle ore 17.30, sempre presso la Biblioteca, sarà proposto da FILE il laboratorio “Andare restando…lasciare andare, tenere con sé” rivolto principalmente a quegli adulti (genitori, insegnanti, amici) che sono vicini ai giovani che hanno vissuto una perdita.
L’intento è di creare, partendo dalla lettura del libro “Si Può”, uno spazio per chi si prende cura dei bambini e degli adolescenti, per aiutarli a trovare le parole adeguate ed alleviare il trauma di un dolore vissuto. Il laboratorio si svolgerà con taglio arte-terapeutico e vedrà una prima fase di narrazione e auto-narrazione (racconto di sé), una seconda fase di laboratorio artistico in cui i partecipanti potranno esprimere in modo non verbale la propria storia, le proprie paure, e una terza fase di condivisione, durante la quale il dialogo e l’ascolto saranno fondamentali.
Il laboratorio, della durata di due ore, potrà coinvolgere 20 partecipanti e sarà curato da Arianna Papini, illustratrice del libro “Si Può”, arte-terapista e vincitrice del Premio Andersen come miglior illustratore 2018.
L’appuntamento è a partecipazione gratuita, fino ad esaurimento posti (per info e prenotazioni: progettobeppe@leniterapia.it).

lutto bambini

Il libro “Si può” si inserisce all’interno del più ampio progetto B.E.P.P.E. che prevede una serie di iniziative e strumenti volti ad alleviare le sofferenze delle famiglie che vivono queste situazioni difficili. Attraverso B.E.P.P.E., FILE organizza a livello locale corsi di formazione rivolti a docenti di scuole elementari, medie e superiori e incontri di sensibilizzazione aperti a tutti sulle complesse tematiche psicologiche e sociali che l’elaborazione della perdita comporta; viene inoltre offerta la possibilità di accedere a sportelli gratuiti di ascolto psicologico per bambini, adolescenti e adulti facenti parte di famiglie che hanno vissuto un lutto. A livello nazionale, invece, oltre al racconto “Si Può”, il progetto B.E.P.P.E. ha portato alla realizzazione del sito web interattivo www.solimainsieme.it rivolto ai giovani che hanno vissuto l’esperienza del lutto e agli adulti (familiari, amici, insegnanti) che si trovano loro vicini e hanno il compito di sostenerli.