Testamento solidale

Da sempre sul testamento gravano lacune culturali fatte di paure e pregiudizi. In realtà, può trasformarsi in un atto generoso che ci permette di continuare a far vivere i nostri valori nel tempo e di proiettare la nostra presenza nel futuro. Può diventare un segno di grande responsabilità nei confronti di tutte le persone a cui vogliamo bene ed è il modo migliore per tutelare i nostri cari e dimostrare il nostro affetto e il nostro senso di protezione nei loro confronti.

Ma l’atto testamentario può essere anche qualcosa di più, un’azione utile e concreta a sostegno di cause sociali importanti.

 

Lascito solidale: di cosa si tratta

Predisporre un lascito solidale significa lasciare i propri beni, o anche solo una parte, a uno o più enti benefici, come la nostra Fondazione.

Un lascito testamentario a favore di FILE aiuta a vivere con dignità e senza sofferenza chi si avvicina alla fine del suo percorso. Attraverso le nostre équipe sanitarie e i nostri volontari, infatti, assicuriamo alla persona malata la miglior qualità di vita possibile, a casa, in hospice e in ospedale.

Se deciderai di sostenerci con un lascito testamentario avrai la certezza di aver compiuto un gesto di grande valore che ci responsabilizza a nostra volta. Da parte nostra, ti assicuriamo che il tuo gesto si concretizzerà in un valido aiuto per le persone da noi assistite.

I lasciti testamentari a favore di FILE sono i “mattoni” dei progetti per l’assistenza ai malati inguaribili e alle loro famiglie, ci permettono di raccogliere quei fondi necessari per la continuità della nostra attività.

Non è indispensabile lasciare ingenti patrimoni, ogni tipo di contributo può fare la differenza: ad esempio, una somma di denaro di qualsiasi entità, beni immobili, polizze assicurative, azioni e titoli d’investimento, beni mobili (come un arredo, un’opera d’arte, un gioiello, attività finanziarie etc.), a seconda delle preferenze individuali.

 

È importante sapere che il testamento…

  • può essere di diverse tipologie, ma quelle più utilizzate sono due: il testamento pubblico, redatto di fronte al notaio e depositato presso lo studio notarile; il testamento olografo, in cui il testatore stesso (colui che lo redige) provvede alla scrittura di suo pugno delle disposizioni testamentarie firmate e datate;
  • non è così dispendioso come si è soliti pensare;
  • può subire modifiche o revoche in qualsiasi momento della vita;
  • la quota non disponibile (quota di riserva) è una parte del patrimonio che spetta agli eredi legittimi ed è intoccabile da chiunque;
  • la quota disponibile, invece, è quella di cui il testatore può liberamente disporre a favore di chiunque;
  • in assenza di un testamento e di eredi legittimi i beni passano direttamente allo Stato;
  • l’intero ammontare del lascito solidale non è gravato da alcuna tassa di successione.

 

Contattaci

Per avere maggiori informazioni, scarica la nostra guida semplice ai lasciti solidali; altrimenti, puoi chiamarci allo 055 200 1212 (numero attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 16.30) oppure scriverci attraverso il modulo contatti sottostante.